Tempo da trascorrere con i Figli

Genitori Separati e Regolamentazione del Tempo da Trascorrere con i Figli

Questo aspetto interessa particolarmente i padri che vogliono passare del tempo adeguato con i figli oppure le madri impaurite dalla altrui prospettazione di vedersi “togliere i figli dal Tribunale”.

Va innanzi tutto chiarito che il Tribunale valuta sempre prioritariamente “l’affidamento” dei figli ad entrambi i genitori, cosa ben diversa dal “collocamento” prevalente che rappresenta la scelta del genitore con cui i figli vivranno per un tempo maggiore.

La decisione sul collocamento dei figli richiama in automatico anche l’assegnazione della casa, che di regola segue i figli. Quindi se il collocamento prevalente sarà presso la madre (ipotesi più frequente) anche la casa verrà assegnata alla madre, a prescindere dalla proprietà, finché i figli non saranno autonomi, momento in cui l’assegnazione viene revocata e la casa torna ad essere pieno godimento del marito. Motivo per cui in caso di assenza di figli la casa non viene assegnata ma rimane nel possesso del legittimo proprietario.

L’altro genitore, quello non collocatario, avrà comunque diritto a trascorre molto tempo con i figli perché il Tribunale ha come obbiettivo primario quello di far mantenere ai bambini un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori.

Tempi dedicati al Padre

Solitamente un padre passa del tempo con i figli a fine settimana alternati dal venerdì pomeriggio o dal sabato mattina fino alla domenica sera o, addirittura, fino al lunedì mattina. In aggiunta ai fine settimana, il tempo con i figli sarà anche infrasettimanale per uno o due giorni, a seconda che il week end sia di spettanza o meno del padre

A volte si chiede all’avvocato un parere sul collocamento alternato o paritario sperando che si possa ottenere un uguale tempo con i figli. Queste ipotesi sono del tutto eccezionali e residuali, soprattutto in ambito giudiziale, seppur in passato si sia tentato di introdurle nel nostro ordinamento una riforma sul tempo con i figli paritario che è stata oggetto di numerose critiche.

Il Ruolo dell’Avvocato

Quando ci si rivolge ad un avvocato matrimonialista è opportuno partire dal presupposto che un accordo è la migliore delle soluzioni, soprattutto per i bambini, a meno che non vi siano episodi di violenza o altre gravi criticità.

Non è raro che l’avvocato nel tentare di trovare un accordo, anche relativo al tempo con i figli, sia chiamato ad educare il cliente su cosa sia opportuno fare e chiedere.

Ovviamente il cliente non conosce tutte le norme, sarà quindi necessario informarlo gradualmente di ogni aspetto giuridico relativo alla separazione in modo che non si comporti in modo sbagliato e commetta degli errori.

Spesso, i tentativi di consensuale naufragano a causa delle incomprensioni tra le parti che discutono di ogni aspetto legato alla separazione. Una considerazione necessaria e quella di riferire sempre al proprio avvocato ciò che si vuole chiede alla controparte, onde evitare che gli sforzi per raggiungere un accordo siano vani ed infruttuosi.

Consulenza Legale

Richiesta informazioni e Appuntamenti

    Nome*

    Cognome*

    Telefono*

    Indirizzo eMail*

    Scrivi un Messaggio*

    Trattamento Dati*
    Ho letto e Accetto l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 Dlgs. 196/2003 e dell’art. 13 del Reg. UE 679/2016.

    (i) di solito rispondo in breve tempo