Consulenza Separazione Avvocato

Separazione Consensuale o Giudiziale

La scelta tra separazione consensuale o giudiziale è un passaggio importante per la tutela del cliente e della prole, il cliente verrà indirizzato e consigliato per la scelta più opportuna al suo caso.

La Consulenza Legale sulla Separazione è richiesta da chi è coniugato e riceve una raccomandata o un ricorso dall’avvocato di controparte, oppure  a chi ha intenzione di separarsi dal coniuge perché è venuto meno il legame affettivo.

Rivolgersi ad un avvocato matrimonialista per la propria separazione consente di capire se sussistono i presupposti per un accordo o meno.

Indubbiamente, raggiungere un accordo in sede di separazione è opportuno per attenuare la tensione esistente tra coniugi; ma non sempre è una scelta praticabile. Sarà l’avvocato divorzista a valutare se tentare di trovare un accordo o meno, anche sulla base dei racconti del cliente.

Si rivolge all’avvocato matrimonialista per la propria separazione coniugale chi è esasperato dalle dinamiche della vita di coppia, per incompatibilità caratteriali, oppure chi è separato di fatto da molto tempo e vuole “ufficializzare” il suo status. Durante la consulenza l’avvocato informerà il cliente delle conseguenze che la  separazione comporta rispetto al regime patrimoniale scelto dai coniugi.

Un errore comune è quello di pensare alla separazione come ad un divorzio.

In realtà con la separazione o con l’autorizzazione Presidenziale a vivere separati cessano solo alcuni doveri, coabitazione e fedeltà, permane la qualifica di coniuge e i doveri legati al mantenimento e al reciproco rispetto. Basti pensare una volta separati, i coniugi, possono anche riconciliarsi ex art. 154 e 157 c.c., tuttavia si tratta di ipotesi assai rare.

“Educare” il cliente al rispetto delle norme vigenti e suggerirgli di mantenere un comportamento ineccepibile in sede di separazione è il primo passo per ottenere dei buoni risultati anche attraverso il deposito di un ricorso congiunto, che, rispetto alla separazione giudiziale, rappresenta un iter meno lungo e dispendioso.

Regolare la separazione dei coniugi, consensualmente o giudizialmente, è senza ombra di dubbio preferibile rispetto ad una regolamentazione arbitraria o verbale tra coniugi, anche a garanzia dei diritti dei figli.

Inoltre, mantenere rapporti civili, evitare un’aspra diatriba legale e non alimentare pesanti conflittualità è sempre consigliabile anche per evitare l’emissione di provvedimenti spiacevoli, come ad esempio l’affidamento esclusivo dei figli ad uno dei genitori  o, addirittura, ai Servizi Sociali.

Consulenza Legale

Richiesta informazioni e Appuntamenti

    Nome*

    Cognome*

    Telefono*

    Indirizzo eMail*

    Scrivi un Messaggio*

    Trattamento Dati*
    Ho letto e Accetto l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 Dlgs. 196/2003 e dell’art. 13 del Reg. UE 679/2016.

    (i) di solito rispondo in breve tempo